News

Importazioni 2017: scadenze e novità

Si riporta di seguito  un promemoria sulle prossime scadenze import e una panoramica sulle novità che il settore import vedrà introdotte nel corso del 2017.

COMUNICAZIONE ARRIVO MERCE

E’ fatto obbligo, per gli importatori iscritti nell’elenco nazionale degli importatori di prodotti biologici da Paesi terzi, di inoltrare entro il 15 febbraio 2017 al Ministero (Ufficio EX PQA5) il riepilogo delle importazioni di prodotti biologici effettuate nel corso dell’anno 2016 (ai sensi del n. 18378/2012).

Le informazioni richieste devono essere inoltrate nel rispetto delle modalità indicate all’art. 2 del DM n. 18378/2012 e utilizzando esclusivamente il modulo rappresentato  dall’allegato II dello stesso decreto disponibile al seguente link http://www.sinab.it/sites/default/files/share/Allegato%20II%20Dm%2018378%20agosto%202012.pdf 

L’obbligo di cui sopra dovrà essere ottemperato anche nei casi in cui non sia stata effettuata alcuna operazione di importazione indicando nel riepilogo la dicitura “No Importazioni”.

I moduli  devono essere spediti all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In merito alle procedure di comunicazione di arrivo merce, si fa presente che restano ancora valide le comunicazioni effettuate tramite e-mail utilizzando l’allegato I al DM 18378/2012, in quanto la fase sperimentale (che prevede l’invio tramite SIAN) non risulta essere ancora terminata.

REGOLAMENTI DI MODIFICA DEL REG.CE 1235/2008 –NUOVE PROCEDURE – NUOVO CERTIFICATO DI ISPEZIONE

Cliccando sul relativo Regolamento, potete scaricare il Reg. CE 1235/2008 in versione consolidata a ottobre 2016 ed il successivo regolamento Reg.CE 2259/2016 che lo modifica ulteriormente.

Di seguito si riassumono le modifiche apportate dal  Reg.1842/2016 (già integrato nell’ultima versione consolidata disponibile) che introduce importanti modifiche al Reg. CE 1235/08. Le novità consistono nella rivisitazione dei modelli dei certificati di ispezione (gli allegati V e VI del regolamento); i nuovi modelli saranno utilizzati (in luogo dei precedenti) a partire dal 19 aprile 2017. A partire dalla stessa data sarà operativo il sistema informatico di tracciabilità “Traces” (TRAde Control and Expert System) istituito sulla base della decisione 2003/623/CE della Commissione; questo sistema sarà accessibile a tutti i soggetti interessati e coinvolti nelle operazioni di importazione dei prodotti biologici da paesi terzi (autorità competenti, organismi di controllo, importatori, primi destinatari). A partire dal 19 ottobre 2017 tutte le fasi connesse alle importazioni dovranno essere obbligatoriamente tracciate su Traces, per questa ragione i certificati di ispezione potranno essere predisposti unicamente su Traces. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla presentazione messa a disposizione dal MiPAAF http://www.sinab.it/sites/default/files/share/Presentazione%20SISTEMA%20TRACES.pdf

NUOVA TARIC – NUOVI CODICI PER IL BIO SUL DAU

Si comunica, inoltre, che dal 1° gennaio 2017 è entrato in vigore il Regolamento di esecuzione (UE) n. 1821/2016, che introduce la nuova tariffa doganale comune e, pertanto, i nuovi codici di nomenclatura combinata. A seguito di tale modifica, gli operatori dovranno verificare eventuali variazioni dei codici di nomenclatura, ai fini della corretta identificazione doganale delle merci. In seguito a questa novità, con comunicazione dell’agenzia delle dogane  del 22/12/2016 (http://www.sinab.it/sites/default/files/share/CIRCOLARE%2013D%20AGENZIA%20DELLE%20DOGANE%20-%202%20agosto%202013.pdf) vengono a modificarsi le disposizioni introdotte dalla circolare dell’agenzia delle dogane 13/D del 02/08/2013, decade quindi l’obbligo di inserire il codice Z040 o Z041 nella casella 33 del DAU; diventa obbligatorio inserire alla casella 44 il codice C644 (che indica la presenza di un certificato di ispezione in quanto il DAU accompagna merce biologica) o il codice Y929 (la merce non rientra nel campo di applicazione del Reg. CE 834/07, quindi non vi è certificato di ispezione in accompagnamento).

CONTROLLI RINFORZATI MERCE BIO DI PROVENIENZA AREA EX URSS

Infine, si fa presente che la commissione ha ritenuto opportuno applicare, anche per tutto l’anno 2017, controlli rinforzati per merce biologica (ricadente nei capitoli 10-11-12-32 della Taric) di provenienza Ukraina, Kazakistan e tutti i paesi di area ex URSS (si veda la linea guida in allegato).

Guidelines on additional official controls on products originating from Ukraine, Kazakhstan and Russian Federation (Applicable from 01/01/2017 until 31/12/2017)